YOGA AND THE STARS: POSIZIONI MUDRA E OLI ESSENZIALI PER IL SAGGITARIO

mudra sagittario

“Yoga And The Stars” è la sezione di Astrologia della Felicità dedicata allo yoga, ai mudra, agli oli essenziali.
Per ogni segno zodiacale, in base alle sue caratteristiche, ti propongo una serie di posizioni yoga da seguire in video insieme a me, Costanza di My Ginny Gym A Porter.

SAGGITARIO 22 Novembre-21 dicembre
PARTE DEL CORPO: ANCHE E COSCE
ENERGIA: MASCHILE
CHAKRA: 2° SVADHISTANA
MUDRA: KALESVARA
OLIO ESSENZIALE: VETIVER

Una breve premessa astrologica sul segno del Sagittario.

Il nostro tour nello zodiaco continua e ci porta al Sagittario, un segno di Fuoco – dominato dal pianeta Giove – che nella mitologia veniva raffigurato con il centauro, un essere mezzo uomo e mezzo cavallo, che racchiude in sé la duplice natura, istintiva e razionale allo stesso tempo.

“Sal, dobbiamo andare e non fermarci mai finché non arriviamo.
– Per andare dove, amico?
– Non lo so, ma dobbiamo andare”.

La celebre frase di Jack Kerouac ben rappresenta il Sagittario, perché è proprio il viaggio la parola chiave, e ogni viaggio inizia da un piccolo passo che via via crea movimento e per questo la parte del corpo di riferimento sono le cosce e le anche che servono a dare il primo impulso.
Una regione molto importante che suddivide il corpo tra fascia superiore e inferiore, con articolazioni robuste che sono la sorgente di forza per tutta la struttura e che ci indirizzando in una o più direzioni.
Quali? possono essere diverse ma non sempre sappiamo con chiarezza quale sia la strada da percorrere, però il Saggitario non perde mai l’entusiasmo di iniziare un nuovo cammino.
Nasce proprio dal profondo, questo bisogno di esplorare e di avventura, di andare oltre e di raggiungere l’obbiettivo ma il rischio è di perdersi e di vivere costantemente in uno stato di mutevolezza dove emergono le qualità negative del segno come l’essere troppo stravagante e sopra le righe, incostante, rinunciatario abbandonando un percorso prima del tempo, troppo sicuro di sé e incapace di ascoltare…

I miei consigli di benessere per le persone del segno del Sagittario e anche per chi ha l’ascendente in Sagittario.

Cerchiamo quindi di ascoltare il nostro corpo e di connetterci con le nostre due nature, quella più basica propria dell’istinto e dello slancio che si considera la più semplice ma è anche quella che ci radica alla terra e ci rende vivi; e poi l’altra che ci fa perseguire gli ideali e ci rende ambiziosi, avvicina allo studio e al desiderio di conoscenza.
La pratica che segue è fortemente collegata al secondo chakra Svadhisthana che esalta le caratteristiche determinanti di questo segno come ottimismo, generosità, comunicazione, ingenuità, sviluppando la personalità e la creatività in tutte le sue forme, ma sempre con uno sguardo all’inconscio e alle emozioni

Le asana dedicate al Sagittario

agiscono a livello fisico: distendono i flessori dell’anca e ne aumentano la mobilità, rinforzano le gambe e gli addominali, aumentano la capacità respiratoria, esercitano l’equilibrio e la stabilità, migliorano la digestione, distendono gli inguini e i muscoli del pavimento pelvico, rilassano la parte posteriore del corpo, massaggiano gli organi interni. A livello interiore: favoriscono la concentrazione, alleviano lo stress, inducono il sonno, conferiscono una sensazione di calma e serenità, radicano a terra.

1) UTTHITA PARSVAKONASANA gambe ben divaricate e attive, il ginocchio piegato forma un angolo di 90 gradi con la gamba, pavimento pelvico e addominali attivi, i lati del busto si distendono simmetricamente, il corpo disegna una linea, colonna vertebrale distesa.
2) ARDHA CHANDRASANA piedi attivi, anche aperte, pavimento pelvico e addominali contratti, braccia perpendicolari al pavimento, gambe tese, il capo ruota in avanti o verso il cielo.
3) MALASANA gambe piegate e aperte, piedi in diagonale e talloni al pavimento, colonna vertebrale distesa, scapole verso il basso, spalle lontane dalle orecchie, gomiti si incastrano tra le gambe, mani in posizione di preghiera davanti al petto.
4) ANANDA BALASANA distendere la colonna vertebrale a terra, piegare le gambe, ginocchia ai lati del busto, piante dei piedi paralleli al soffitto, tibie perpendicolari, mani afferrano esterno del piedi.
5) JATHARA PARIVARTASANA sdraiati sulla schiena, intrecciare una gamba sull’altra, braccia aperte, scendere appoggiando le gambe su un lato, spalle aperte, torsione della colonna, viso gira in senso opposto alle gambe.
6) BRAHMASANA peso su entrambi gli ischi, ginocchia e caviglie in linea, piedi attivi, colonna vertebrale distesa, spalle aperte, tibie parallele al lato corto del tappetino.

L’olio essenziale per il Sagittario

Il cammino che ci prepariamo a intraprendere sarà innanzitutto rivolto al nostro IO, un mondo tutto da scoprire, ricco di sentimenti e spiritualità. La discesa interiore è accompagnata da VETIVER un olio essenziale che profuma di legno e terra, ed è allo stesso tempo dolce e speziato. Può essere utilizzato topicamente sulla pelle sia puro che diluito, a livello aromatico diffuso nell’ambiente o inalato, assunto per uso interno.
Ha proprietà astringenti, antisettiche e seboregolatrici se impiegato per pelle e capelli, allevia i dolori articolari e muscolari e migliora la circolazione sanguigna. A livello emozionale aiuta a combattere lo stress, stati d’ansia e insonnia, apatia e leggera depressione.
Vetiver aiuta a trovare una rotta più definita nella vita, guida verso il basso, fino alle radici dei problemi emozionali. Induce a fare i conti con sé stessi, ci rende più consapevoli e illumina il nostro viaggio.

Il Mudra per il Sagittario

Dedicato alla divinità che governa il tempo, KALESVARA è il Mudra di riferimento per lo Scorpione.
Congiungere tra loro i polpastrelli del dito medio, unire le falangi degli indici, piegare le altre dita all’interno e far combaciare la punta dei pollici, mantenendo la posizione per 10 respirazioni complete.
Calma il flusso dei pensieri, quando la nostra mente è troppo attiva e i sentimenti sono agitati. La quiete e la lucidità allora sopraggiungono e ci permettono di focalizzare quale sia la soluzione.
Favorisce la memoria e la concentrazione e ci incoraggia a smussare i tratti troppo accentuati del nostro carattere, su cui dovremo lavorare costantemente, perché fa parte della crescita di ognuno di noi e del nostro viaggio. Ma abbiamo già una guida che ci spinge nella giusta direzione, dobbiamo soltanto dissipare le nostre nubi.

Tutto ciò convive nel Saggitario ed è bellissimo perché con coscienza potete sentire l’energia della madre terra sotto i piedi ben piantati ma avere sempre uno sguardo a un cielo carico di stelle!

Commenti

Lascia un commento

Iscriviti alla newsletter!

Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla nostra newsletter.