Transiti Astrologici: Bollettino per i Naviganti dal 27 Giugno al 3 Luglio

Buona settimana, AstroGhiaccioli e AstroBirrette (si nota che ho caldo?),

oltre che per le temperature, questa settimana sarà caliente anche a livello astrologico:

  • 27/6 iniziamo con un Mercurio che facilita l’ “espulsione” di rospi che non riusciamo ad ingoiare, cosa che per l’Ariete non sarà una novità, ma stavolta lo renderà maggiormente consapevole di cosa lo ferisce: “Male che fa male tu non vuoi, lasciati parlare, lasciati cercare, lasciati vedere e guarda noi” (Alex Baroni).
  • 28/6 chissà cosa avranno da decidere, Marte e Saturno in combutta: uno sempre col piede sull’acceleratore, soprattutto adesso che si trova nel suo segno preferito, l’altro sempre a frenare, contenere, limitare. Una giornata che pone l’accento sulla pazienza, la tenacia e la chiarezza, soprattutto con con Nettuno che inizia il suo transito retrogrado. Ai Segni Mobili (Gemelli, Vergine, Sagittario e Pesci) consiglio di ascoltare Matteo Bocelli: “Come un continente ti isoli da tutto e da tutti, se rimango fermo qui, scrivi un messaggio in cui dici Sì”.
  • 29/6 abbiamo bisogno di un faro, nella notte di Luna Nuova, che accende i Segni Cardinali (Ariete, Cancro, Bilancia e Capricorno) di voglia di ribellarsi, di levare le ancore e salpare verso nuove destinazioni: certo il Sole quadrato a Giove può eccedere con l’arroganza e l’ottimismo, tantoppiù che Venere prende Giove a braccetto e gli racconta di luoghi piacevoli da raggiungere, di nuove persone da conoscere: “Stare con te è facile, un po’ come sorridere, come bere un sorso d’acqua” (Elodie).
  • 2/7 è oggi che succede tutto: la tensione si alza, anche quella sessuale e sono proprio i Segni Cardinali a sentirsi più magneticamente attraenti, perché Marte e Plutone fanno a braccio di ferro su chi esprime maggiore potenza tra fiammate di incendi e magma incandescente. Il più impegnato di tutti, però è Mercurio che da una parte si accorda con Saturno per prendersi delle responsabilità e parlare dal pulpito e, dall’altra, sbatte la testa contro la confusione degli ideali di Nettuno che, secondo Saturno appunto, sono privi di concretezza: “A che serve cercare se non vuoi più trovare, a che serve volare se puoi solo cadere, a che serve dormire se non hai da sognare?” (Arisa)

Vi siete accorti che abbiamo superato la boa dei primi sei mesi dell’anno? Nooo???! 

Ve lo ricordo io:

Che Giove Assista chi condivide!

Lascia un commento