27 giugno: Lost in Movies

Esistono persone a questo mondo che nascono con una particolare inclinazione che nell’arco della loro vita riescono a far emergere, consacrandoli al pubblico oblio; il festeggiato di oggi fa parte di questa elitè. In qualsiasi cosa si cimenti che abbia anche soltanto vagamente attinenza con la settima arte, lui riesce. Non so davvero come faccia, ma deve essere un virtuoso, perché io davvero il suo successo incontrastato non saprei come spiegarlo. Giusto per citare alcune delle sue “creazioni”: in qualità di produttore crea capolavori  di serie televisive quali Alias, Lost, Felicity, Six Degrees e Fringe. Al cinema sempre nella stessa veste si diletta con A Proposito di Henry, Star Trek , Mission Impossible III e Super 8; di questi ha pure scritto la sceneggiatura (e scusa se è poco), ed ha collaborato alla stesura di quello che reputo per eccellenza il film apocalittico più romantico della storia del cinema, Armaggeddon. Non contento di questi infiniti successi si è dilettato anche nella recitazione, partecipando (sempre ruoli piccoli per carità) in Sei Gradi di Separazione, che a mio avviso resta un film davvero cult, con un cast hollywoodiano fenomenale, tanto che mi ha fatto apprezzare le qualità recitative di Will Smith in un ruolo drammatico. Con un mostro sacro del genere non c’è competizione, siamo onesti. Sembra davvero una sorta di Re Mida, qualsiasi cosa lui crei, diriga, o componga – già perché si diletta pure a comporre le colonne sonore dei suoi “bambini” – risulta un successo di botteghino. Mi piacerebbe una volta poter avere l’occasione di stare nella stessa stanza con un genio del genere, e capire quali sono i percorsi evolutivi e creativi che portano costui ad essere quello che è: un genio visionario che ha saputo appassionare il mondo intero. Se siete anche un po’ curiosi, potreste correre al cinema a vedere la sua ultima fatica da regista  Star Trek – Into Darkness – i miei amici startrekkisti non li ho sentiti ancora proferire parola, ma spero davvero che non troveranno niente da ridire. Voci di corridoio lo vogliono già all’opera per la regia del prossimo Star Wars, noi staremo a vedere.

J.J. ABRAMS E’ NATO A NEW YORK IL 27 GIUGNO 1966, SOTTO IL POLIEDRICO SEGNO DEL CANCRO

Autore

Che Giove Assista chi condivide!

Lascia un commento