3 agosto: la prima di tutte le prime!

E’ un’istituzione per tutto il mondo, ma per noi meneghini è davvero il simbolo della maestosità e grandezza artistica della città in cui viviamo…una delle ragioni per cui andarne davvero fieri, sì!

Il Teatro alla Scala (la Scala per noi milanesi, come se l’articolo determinativo che mettiamo davanti ai nomi propri femminili la rendesse più familiare, come la grande Zia di tutti), è uno dei teatri lirici più famosi al mondo, e quando a Sant’Ambueus (la notte di Sant’Ambrogio), va in scena la Prima che dà il via alla stagione, bèh, la magia si respira nell’aria di tutta la città davvero.

Non sono soltanto gli sfarzi, il lusso, gli abiti lunghi e i gioielli preziosi che le ruotano attorno, no…è proprio lei. La (Zia) Scala a scatenare la magia attorno a sé.

La magia dell’Opera, della musica, dove ogni strumento da quella buca sotto il palcoscenico sembra che prenda corpo e anima e ci parli, l’imponenza e perfezione assoluta della scenografie, l’acustica che fa rimbalzare ogni vibrazione tra i palchi e i velluti della platea passando per quell’orologio che sembra essere incantato. Incantato, sì, perché dentro il teatro la magia fa sì che il tempo si fermi…scandito solo dal battito del cuore degli spettatori.

Solo gli applausi sono in grado di spezzare l’incantesimo, e più forti sono, più resterà dentro ognuno dei presenti chiara ed immortale la formula magica.

Chissà se Giuseppe Piermarini, l’architetto neoclassico che la progettò su volere di Maria Teresa d’Austria dopo che il 26 febbraio del 1776 un incendio aveva distrutto il teatro lirico milanese preesistente, si era avvalso di qualche fattuccherìa per rendere il gioco così perfetto…fatto sta che da allora, non c’è verso di non restarne stragati.

Ginny, trovi qualche ispirazione agli oroscopi di dicembre??? Ai nostri bloggers scoprirlo… 😉

IL TEATRO ALLA SCALA venne inaugurato il 3 AGOSTO 1778, SOTTO LA BENEAUGURANTE ED APPASSIONATA COSTELLAZIONE DEL LEONE

Autore

Che Giove Assista chi condivide!

Lascia un commento