12 Maggio: La donna che portava i pantaloni

In Germania vige il detto: der Apfel faellt nicht weit vom Baum, che tradotto diventa La mela non cade lontano dall’albero. Questo si applica perfettamente alla signora Hepburn. Spesso confusa per parente dell’altra celebrissima e divina Audrey, Katharine è una diva di tutt’altro genere.
Figlia della cofondatrice di Planned Parenthood, Katharine cresce libera da pregiudizi, indipendente e con la curiosità di fare sempre nuove esperienze.
Approda a Broadway nel 1928, dove impersona alcuni ruoli che la fanno notare, e nel 1932 gira il suo primo film “Febbre di Vivere”. Neanche un anno dopo, Katharine ottiene il suo primo Oscar per “La gloria del mattino”. Da quel momento in poi le vengono affidati ruoli che rappresentano sempre donne forti, nelle quali lei stessa e il pubblico femminile, si riconoscono.
Passata una fase poco edificante secondo i botteghini, arriva “Scandalo a Filadelfia”, che decreta il successo a tutto tondo della Hepburn, non più vista come una diva anticonformista e volubile, che le major americane smaniano per mettere sotto contratto. Della stessa epoca e foggia, sono altre divine quali Bette Davis, Jane Russell, Lauren Bacall, Rita Hayworth e Lana Turner. Pur non essendo una bellezza da copertina, Katharine si lascia scivolare addosso le insistenti pressioni dei press agent, che la vogliono più femminile, più femme fatale, più qualsiasi altra cosa che non è lei. Katharine non cede, e resta fedele a se stessa e a quei famosi ideali inculcati dalla madre, che rendono ogni donna libera di essere come le pare.
Nel 1942 finalmente arriva anche l’amore vero: Spencer Tracy, suo partner nella vita e sul set, dal quale non si separerà più, fino alla morte di lui nel 1967.  Insieme a lui recita in “Indovina chi viene a cena?” leggendario film che parla della integrazione razziale, e con il quale porta a casa il secondo meritato Oscar.

Gli ultimi anni della sua vita li passa recitando, partecipando a grandi produzioni, fra cui “Sul Lago Dorato”, accanto a Peter Fonda. Quando muore decide di non farsi seppellire, neppure accanto all’amaro Spencer, perchè convinta atea, esprimendo così il suo concetto « Io sono atea e basta. Credo che non ci sia niente da sapere, l’unica cosa che dovremmo fare è essere gentili gli uni con gli altri e fare quello che possiamo per altre persone. »

KATHARINE HOUGHTON HEPBURN, E’ NATA A HARTFORD IL 12 MAGGIO 1907, SOTTO IL COCCIUTO E SUADENTE SEGNO DEL TORO

Autore

Che Giove Assista chi condivide!

Lascia un commento