13 luglio: asterix contro Cesare

 

Gaio Giulio Cesare. Nome che prima fece tremare popoli interi per generazioni. E poi fece sbadigliare studenti annoiati di quarta ginnasio.

Adesso che ho qualche lustro in piu della prima volta che mi sono trovata davanti il suo nasone (sul libro di storia) provo a guardare lui e tutto quello che vi fu dopo con occhio piu critico… e più ironico!

L’uomo che si autoproclamò dictator nacque in un quartiere malfamato di Roma, un po come ora sarebbe il Laurentino 38, e benchè discendesse direttamente dalla dea Venere (attraverso Enea, Iulo e Romolo) ha dovuto sudarsi ogni centimetro di terra assoggettata.

Diversi i successori politici che presero spunto dalle sue gesta per imitarle… ciascuno a suo modo: Clinton come lui si concesse scappatelle. Cesare ripudiò prima la promessa sposa per fuggire e maritarsi con Cornelia, poi la tradì in guerra , vedovo si risposò con Pompea nipote del suo precedente nemico Silla ma a breve ripudio’ anche lei quando la scoprì a fornicare in casa sua con … Di divertivano questi Romani!!

Cesare come Obama si rese conto che l’appoggio del popolo è importante e come Berlusconi corruppe l’elettorato con denaro e favori!

Fatto sta che nulla lo fermò nel suo desiderio di diventare l’imperatore del territorio più grande mai esistito…. Cancro si ma di certo ascendente ariete! Si narra infatti che mentre si concedeva uper avanza studio per andare a studiare filosofia a Rodi, fu rapito, udite udite, dai pirati. Senza perdersi in paure da femminuccia mentre i suoi andavano a racimolare il riscatto lui coinvolse i pirati in un torneo di dadi e scherzando si fece dire su quale albero si sarebbero voluti far impiccare. Passo’ poco tempo che, liberato, torno’ a prendersi la sua rivincita impiccando i pirati e restituendo a ciascuno i soldi del riscatto… E poi se ne ando’ trotterellando verso le sue lezioni di filosofia greca!!!

Come ogni grande uomo di potere moltissimi erano pero i suoi tabù: si depilava l’intero corpicino, soffriva della sua calvizie al punto da farsi prima il riporto e poi da auto incoronassi con una coroncina d’alloro che nascondesse la pelata, aveva un debole per i muscoli dei bei fanciulli ed una terribile fobia del fuoco…

Che dire, ha un po’ esagerato con il risentimento e la vendetta e per questo ne ha subita una dal suo stesso figlio Bruto… Il re di quadri nel mazzo di carte resta a ricordarci questo brutto carattere e se avete l’impressione che vi guardi storto… Si, sta guardando proprio voi!!!

GAIO GIULIO CESARE è nato a Roma il 13 luglio 101 a.c. Sotto il segno del cancro.

Autore

Che Giove Assista chi condivide!

Lascia un commento