3 maggio: machiavellico io???

Chi non ha mai pronunciato almeno una volta nella vita il termine “machiavellico”, intendendo definire un pensiero o essere umano particolarmente analitico, utilitaristico o peggio arrivista, calcolatore ed opportunista???

Spero nessuno di voi se lo sia mai sentito dire, perché è in effetti un aggettivo che negli anni non ha acquistato un’accezione propriamente positiva…se vi fosse successo, guardiamo agli aspetti positivi che sono invece moltissimi!!! 🙂

Machiavelli con la sua opera più famosa, “Il Principe”, dipingeva un nuovo ritratto della politica dicendo per la prima volta che l’agire del governo di un popolo doveva essere completamente separato dalla morale e che ciò di cui invece avrebbe dovuto unicamente preoccuparsi era la realtà fattuale. In altre parole, meglio essere sia amati che temuti dal popolo, ma se proprio si fosse dovuto scegliere meglio essere temuti e basta!!!

Si rifarà al concetto cinquecentesco di Machiavelli anche l’odierna politica? Se sulla separazione dalla morale ci siamo, ahimè, sulla venerazione della realtà e l’agire in base ad essa temo molto meno.

Una rilettura de “Il Principe” per tutti!!!

 

NICCOLO’ MACHIAVELLI NACQUE IL 3 MAGGIO 1469, SOTTO L’AUTORITARIO SEGNO DEL TORO  

Autore

Che Giove Assista chi condivide!

Lascia un commento