31 marzo: “Palpito ergo Sum”

E per fortuna che qualcuno nella vita ha deciso di pensare. Cioè, di pensare come professione, di pensare a fondo ed arrivare alle radici più ineffabili della realtà (o scoprire che una realtà non esiste). Perchè la maggior parte di noi proprio non ne avrebbe trovato il tempo!

Cartesio, ad esempio, pensava di averla risolta facile mettendo la matematica e le sue formule alla base di tutto. Anche le emozioni che ci suscita la musica, ad esempio, hanno un fondamento matematico… altrimenti non ci farebbero piangere ma ridere. E così via…

Poi però ogni affermazione veniva attaccata dal dubbio… in fondo le certezze sono solo dei momentanei compromessi con la nostra voglia di tornare a pensare! Quindi, per salvare capra e cavoli il buon Cartesio ha deciso di chiuderla cosi: sono vere solo le cose evidenti e dato che io (uomo) continuo a pensare e dubitare (evidente) allora sono vero.

Che dire: noi siamo veri e i nostri pensieri non hanno confini. Non smettere di pensare è non smettere di vivere…

RENE’ DESCARTES detto CARTESIO E’ NATO IL 31 MARZO 1596 SOTTO IL SEGNO DELL’ARIETE

Autore

Che Giove Assista chi condivide!

Lascia un commento