Sogniamo o siam desti???

Sogniamo o siam desti???
è vero…anche per noi inguaribili visonari di cuori, è impossibile non ammettere quanto siamo circondati da un gran guazzabuglio di problemi e teorie sempre più catastrofiche sulla loro possibile soluzione.
Ecco ma forse…come quando si guardano le cose da lontano nel loro insieme e sembrano enormi, mentre se si avvicina la prospettiva non ci possono che sembrare più piccole, perché le guardiamo una per volta….forse, così facendo, prendendoci un respiro ad ogni passo fatto e da fare, e semplicemente scegliendone la posizione, la strada inizierebbe davvero a farsi.
Anche la singola orma del nostro non più incerto piedone diventa da subito uno dei passi dell’umanità.
Non smettiamo di sentirci speciali…perché senza ognuno di noi il mondo non va da nessuna parte.
Ed ugualmente non smettiamo di sentirci responsabili…perché siamo ognuno con il suo passo la marcia che il mondo continua a fare…possiamo decidere di cambiare le tappe, perché ognuno di noi ha un remo, e solo per questo la barca và…non perché la si lascia andare!!!!

(con tutto il rispetto per Oriettona nazionale, ovviamente)

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=2cHYhfm_AXg&feature=related[/youtube]

Riflessione liberamente ispirata dal seguente articolo:

2012, A SVEGLIARCI SARANNO I SOGNI

MASSIMO GRAMELLINI

Il mio amico Joe Maya, esperto in profezie terrorizzanti, si è licenziato ieri da Wall Street per aprire un’agenzia di sopravvivenza, «Occupy Yourself». Occupa te stesso. A volte è più difficile che occupare una piazza. Mi ha mandato l’opuscolo pubblicitario.

«Caro compagno d’avventura, sono orgoglioso di anticiparti che il 2012 ti romperà le scatole. Non potrai più fare quello che hai sempre fatto. Se vorrai sopravvivere, sarai costretto a cambiare. Ho preparato una griglia di incroci che la vita ti getterà fra i piedi nei prossimi mesi. Gli incroci non li hai decisi tu, e questo si chiama destino. Ma quale strada prendere a ogni svolta dipende solo da te. E questa si chiama libertà. Protesta o subisci. Non credo sia più tempo di scrollare le spalle. Se ti tirano uno schiaffo, passati pure una parola di perdono sulla ferita. Ma non avere paura di urlare il tuo dolore.

Accetta o rifiuta. Il mondo è cambiato. Se non sei un cinese o un indiano, probabilmente in peggio. Per provare a cambiarlo daccapo, prima devi prenderlo com’è. Conosci la favola dei due topolini che un giorno non trovarono la fetta di formaggio al solito posto? Uno solo morì di fame: quello che restò ad aspettarla. Scappa o rimani. Puoi cercare altrove (ti suggerisco l’Australia per il clima e il Brasile per la compagnia) oppure cercarti dentro di te. A volte le scoperte più importanti si trovano a chilometro zero. Però ogni tanto alza le chiappe dal computer e azzarda una passeggiata fra gli umani. I sentimenti sono fatti di odori che neppure Jobs era riuscito a mettere in scatola. Delega o agisci. I politici non ti odiano e non ti vogliono bene: semplicemente se ne infischiano di te. Puoi provare a cambiarli, ma ricorda che non c’è limite al peggio, come disse un mio amico prima di conoscere Scilipoti. Oppure puoi provare a ricambiarli. Infischiandotene di loro. La nuova politica è il progetto che farai tu, associandoti con i tuoi simili per un obiettivo comune.

Diffida o credi. Puoi credere che tutto sia un complotto contro di te. Oppure credere in te. (Berlusconi riesce a fare entrambe le cose, ma è un caso unico). La prima strada è più sicura: troverai sempre qualcuno disposto a fornirti le prove della congiura. La seconda è piena di spifferi. Una via per eletti. Ti piacerebbe essere eletto, per una volta? Arretra o evolvi. Arretrare ha i suoi vantaggi, specie se ti trovi a un passo dal baratro. Evolvere ha il suo fascino: la perdita delle sicurezze può farti vincere un rischio, oltre il quale ci sei tu in un modo che adesso non puoi neanche immaginare. Scegli: avanti o indietro. Basta che ti muovi.

Rimpiangi o ricostruisci. Il torcicollo emotivo ha un effetto calmante sui pessimisti. Altri preferiscono guardare oltre le macerie. Il trucco è ripartire da un sogno piccolo. Aiuta a combattere la sensazione di non contare nulla e di non poter cambiare mai nulla, neanche se stessi». Sui deliri di Joe Maya non mi pronuncio. Ma l’ultima frase la sottoscrivo: non sono gli schiaffi a svegliarci, ma i sogni. E poiché il prossimo anno di schiaffi ne arriveranno parecchi, auguro a tutti un risveglio pieno di sogni.

La Stampa, 2 gennaio 2011

Autore

Che Giove Assista chi condivide!

Lascia un commento