Astrologia e Cristalli: alleati per l’eclisse di Luna sull’asse Toro-Scorpione

Astrologia e Cristalli: alleati per l’eclisse di Luna sull’asse Toro-Scorpione

Eccoci arrivare in prossimità della tanto attesa eclisse di luna piena.
Tanti di noi stanno vivendo questi giorni attraversati da profonde emozione dissonanti: alcuni segni hanno affrontato giornate estremamente ricche di discussione, altri si sono sentiti più riflessivi.
 Sicuro è che il transito lunare, nei prossimi mesi a venire, richiede un grosso lavoro di radicamento e creazione dello proprio interiore: se avete già iniziato a lavorare con Ematite e Quarzo Rosa, come suggerito nel mio precedente articolo, avrete iniziato a creare la base ideale, per affrontare questo momento che ci permetterà di accedere ed individuare le nostre ferite dell’anima.
Venerdì 19 novembre, alle 10 del mattino, Sole e Luna si allineeranno l’uno di fronte all’altra. Due energie, maschili e femminili, si faranno da specchio provocandoci e sfidandoci nel riconoscere noi stessi.
Il sole che sta transitando in scorpione al 27°grado, si troverà nella casa della nostra realizzazione personale, invitandoci a guardarci in profondità ed ad ascoltare il nostro intuito; la luna in Toro transitando in una casa che racconta di spettacolarizzazione e sensualità, ci invita a ponderare i nostri tormenti e le nostre fragilità, sfruttando il lato positivo della nostra zona di comfort. E’ quindi un momento da dedicare all’ascolto di noi stessi affinché possiamo davvero capire di cosa abbiamo bisogno e cosa desideriamo. Questa eclisse ci ricorda che il buio può essere un momento di silenzio e raccoglimento, per entrare in contatto con la parte più profonda di noi stessi sviluppando con forza il nostro intuito. Chiediamoci senza paura chi vogliamo essere e stacchiamoci da chi gli altri ci chiedono di essere.

E’ quindi un momento da dedicare all’ascolto di noi stessi affinché possiamo davvero capire
di cosa abbiamo bisogno e cosa desideriamo.

Inoltre i due luminari in quadratura a Giove, che si trova in Acquario e seconda casa, ci invitano a non sentirci troppo insicuri e dubbiosi, in particolare con i nostri cari o nell’esprimere verbalmente i nostri bisogni.

Il punto di Talete, ossia la risoluzione di queste tensioni è Plutone in capricorno, che forma dei bellissimi aspetto con le star di questa eclisse: ci conferma ancora una volta che la chiave è lavorare sul nostro lato ombra e sui nostri desideri più profondi con grande rigore e tenacia. Ricordiamoci che nutrendo le radici, sottoterra, germogliamo alla luce.

I Cristalli, nostri alleati, possono illuminare e definire il nostro lavoro interiore.

Per eventi particolari come ad esempio le fasi principali della lunazione, ci è utile richiamare una determinata vibrazione. Possiamo farlo creando un Mandala di media grandezza, in uno spazio protetto da urti accidentali, meglio ancora se è dedicato al nostro raccoglimento o alla meditazione. Ci permetterà di enfatizzare le energie in transito nel cielo, rendendole un’opportunità ed una porta di accesso al nostro spazio interiore più profondo.

I Mandala sono figure geometriche che hanno origini antichissime, nascono in Tibet create dai monaci buddisti e sono la rappresentazione di un’energia universale e della nostra interiorità.
L’atto stesso della creazione del mandala è meditazione e contemplazione. Nella tradizione viene creato con sabbia colorata, con cui i monaci disegnano Yantra estremamente complessi. Il lungo procedimento dura giorni, ma al termine con un solo gesto di mano la sabbia viene tirata via dal monaco cancellando il complesso disegno. Tutte le energie sono in movimento, tutte le energie si evolvono e il non attaccamento ci permette di rimanere nella vibrazione dello spirito.
Altre civiltà hanno utilizzato pratiche simile con forme più o meno semplici. Per lavorare con i vostri cristalli vi consiglio di rimanere in una forma circolare e simmetrica. Più che mettere un intento nell’azione, vi suggerisco di seguire il vostro intuito e rimanere in contemplazione di voi stessi: si creerà un momento molto intimo tra voi ed i vostri cristalli.

Le pietre che vi consiglio per lavorare con l’energia dell’eclisse sono l’Ossidiana, preferibilmente nella sua vibrazione più dolce Dorata, e l’Adularia, conosciuta anche come Pietra di Luna (da non confondere con la Labradorite Bianca, quella che in India viene venduta come Moon Stone).

L’Ossidiana è una pietra vulcanica amorfa, un vetro naturale, che porta in se l’energia del fuoco. Pietra di questo tipo lavorano con rapidità permettendoci di affrontare le nostre ombre, spesso circondate da accumuli di rabbia e paura. Proprio per la sua azione così intensa e profonda, vi consiglio di non scegliere un Ossidiana Nera, piuttosto una Dorata o un Ossidiana Arcobaleno.
Un altro modo di addolcire il lavoro dell’Ossidiana è affiancarla al Quarzo Rosa, permettendoci così di elaborare queste emozioni con grosso rispetto per noi stessi.

L’Adularia è un fedelspato, ha colorazioni che vanno dal bianco latte e si scaldano fino al rossato/arancio, arrivando al nero intenso, proprio a rappresentare tutti i colori del nostro meraviglioso satellite. È una pietra che nutre profondamente il nostro lato femminile intuitivo, permettendoci di dare forza a quanto di noi è stato sedato da condizionamenti esterni.

Sicuramente potrete anche scegliere di indossare queste pietre. Se preferite creare un piccolo Mandala, potete integrare la vostra rappresentazione anche con elementi simbolici della natura o usando in casa quel che avete a disposizione, una collana di adularia ad esempio!
 Qualsiasi lavoro preferiate fare, vi consiglio di mantenerlo attivo per i due giorni prima e dopo l’eclisse.

Se preferite creare un piccolo Mandala, potete integrare la vostra rappresentazione anche con elementi simbolici della natura o usando in casa quel che avete a disposizione, una collana di adularia ad esempio!

Sento tuttavia di voler fare una brevissima menzione anche al Lapislazzuli (aka Lazurite con Pirite), che nella notte buia, porta una profonda luce e intuizione più legata ai chakra superiori, permettendoci di vedere oltre il nostro guscio. Qualora non vi sentiate in sintonia con le pietre che vi ho consigliato precedentemente, provate ad indossarne uno. Vi permetterà anche una comunicazione più limpida e diretta.

I Cristalli sono alleati meravigliosi che amplificano la nostra percezione e il nostro ascolto.
Approcciatevi con gioco e naturalezza, considerate sempre l’utilizzo di Ematite e Quarzo Rosa se siete neofiti: radicamento e cura per se stessi sono sempre necessari nella pratica.

Che Giove Assista chi condivide!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *