I profumi dello zodiaco: Bilancia

Una guida per scegliere l’olio essenziale perfetto per il tuo segno zodiacale

Gli olii essenziali sono potenti estratti naturali, ricchi di principi attivi con un potenziale che va al di là della diffusione d’ambiente. Ma perchè parlare di olii essenziali sul blog della Ginny? Perché il collegamento tra stelle e olii essenziali è antico. 

Quindi proviamo a fare un gioco: abbinare gli olii essenziali ai segni zodiacali partendo dalle parti del corpo specifiche di ogni segno. Mai sentito parlare di melothesia?

Questo mese parliamo della Bilancia, ma, se vuoi puoi leggere anche i segni zodiacali precedenti: Vergine Leone, Cancro, Gemelli, Toro, Ariete, Pesci e Acquario. 

La Bilancia è un segno d’aria, cardinale perché segna l’inizio di una nuova stagione, l’autunno, ed è governato da Venere e Saturno: sentimento e la regola, amore ed etica, bellezza e misura.

Gli olii essenziali della Bilancia

Se sei del segno della Bilancia, sei ascendente o hai tanti pianeti personali in Bilancia, è probabile che tu metta i bisogni degli altri, soprattutto della coppia, davanti ai tuoi. Fai fatica, a prendere decisioni, a sbilanciarti, non ti piace litigare. Vorresti sempre tutto in armonia: un’armonia che non è libertà ma regola, misura, etica. Sei tendenzialmente perfezionista, amante dell’ordine e dell’educazione. Nonostante questo non sei una persona chiusa ma socievole e buona, protesa al dialogo, dove l’altro è uguale a te, metà di un tutto bello e fedele a se stesso. Tradizionale e giusto, pronto a rinunciare per far felice gli altri.

Ma qual è la parte del corpo che contraddistingue la Bilancia?

Con tutta questa fatica a lasciarsi andare, a decidere, a buttarsi il tuo punto debole sono tutti gli organi filtranti, soprattutto i reni. Trattieni e ti sforzi di rimanere in equilibrio: fondamentale quindi idratare e drenare. Segno d’aria che trattiene l’acqua.

Che olii essenziali ti consiglio Bilancia? 

Per desomatizzare le tensioni che non ti piacciono proprio per niente nonostante non possa farne a meno, puoi affidarti all’olio essenziale di Ginepro Juniperus Communis: dal profumo balsamico, depurativo e diuretico, il ginepro oltre a favorirelo smaltimento dell’acido urico e delle tossine, possiede anche notevoli proprietà antisettiche: utile nei trattamenti anticellulite, decongestiona il bacino, e facilita il drenaggio.

L’utilizzo del Ginepro è controindicato nei primi 3 mesi di gravidanza e durante l’allattamento, ed è sconsigliato in caso di insufficienza renale essendo appunto un forte diuretico naturale.

Puoi applicare sulla pelle 4 gocce di olio essenziale di ginepro in un cucchiaio d’olio d’oliva per rinfrescare i reni e rilassare la muscolatura del bacino, disinfettare le vie urinarie. 

Per combattere la ritenzione idrica eliminare l’acqua imprigionata nei tessuti puoi messaggiare gambe e collo, ascelle e inguine con movimenti circolari qualche goccia di olio di ginepro diluito in olio di oliva.

Oppure ancora più easy puoi prendere 1 goccia di olio essenziale di Limone Citrus Limonum – sotto la lingua 3 volte al giorno: aiuta lo smaltimento dei grassi, facilita il drenaggio e contrasta la ritenzione idrolipidica, nonostante il suo profumo ricordi lo zucchero e l’impasto delle torte. Peró fai attenzione: mai applicarlo puro sulla pelle tantomeno prima dell’esposizione al sole perché è fotosensibile e può macchiare la pelle. 

Importante!!

Ricorda di affidarti solo a olii essenziali biologici, senza componenti chimici, come quelli della Pitació, controllando bene il nome latino della pianta in etichetta. Buon relax! 

Essendo molto potenti gli olii essenziali possono anche essere nocivi e tossici: per questo è sempre bene studiare bene come utilizzarli o affidarsi a chi ne sa davvero tanto come la mia guru Danièle Festy autrice de “La mia Bibbia degli olii essenziali”, anche lei della Vergine. 

Quindi occhio, controllate sempre la fonte delle informazioni soprattutto se le trovate sul web 🙂 

Foto di Ekaterina Bolovtsova

 

Autore

Che Giove Assista chi condivide!

Lascia un commento